PRIMA SQUADRAA tu per tu con… BEATRICE ZORZAN

12 Aprile 20190

A TU PER TU CON…” è un nuovo spazio di approfondimento a 360° con i protagonisti della nostra squadra!
Sogni, ricordi, aneddoti e curiosità per conoscere meglio chi, ogni domenica, ci fa tifare sempre più forte LADY GRANATA CITTADELLA!

Questa settimana la “RAFFICA DI DOMANDE” tocca alla nostra BEATRICE ZORZAN!

Quando sei nata e dove? Sono nata il 1° gennaio 1992 a Bassano del Grappa.

Qual è il tuo ruolo? Attaccante.

Qual è la partita che ricordi con più affetto e per quale motivo? Probabilmente quando ero nella categoria Esordienti, quindi giocavo ancora con i maschietti: il derby Sant’Eusebio-Campese. Io giocavo nel Sant’Eusebio e a Campese giocava la mia cara amica Jessica Bernardi, io ero l’unica ragazza da una parte e lei l’unica ragazza dall’altra. Non aspettavo altro che quella partita perché, tra l’altro, io giocavo in fascia, lei come terzino, quindi lei marcava me.

Ed il gol che ricordi con più affetto? Mi ricordo il gol ai calci di rigore con la rappresentativa veneta a San Siro, quell’anno abbiamo vinto il torneo nazionale. E poi a livello personale, ricordo una partita contro lo Schio, quando giocavo ancora a Sant’Anna, in cui ne ho fatti quattro.

Se avessi la possibilità di rigiocare una partita, quale sarebbe e perché? Che domande difficili! Scherzo, ti dico la partita di due domeniche fa contro il Genoa: ho sbagliato un gol a porta vuota, quindi sicuramente se potessi la rigiocherei per fare diversamente. Rigiocherei anche la finale di due anni fa contro il Padova, che abbiamo perso e che ancora ripensandoci mi lascia l’amaro in bocca.

Come è nata la tua passione per il calcio? Qualcuno in famiglia te l’ha trasmessa? Io facevo pattinaggio artistico, mentre mio fratello Mattia, maggiore di 4 anni, giocava a calcio. Mia mamma era dirigente del Santa Croce, la squadra in cui giocava mio fratello. Ricordo che quando lei andava a sbrigare delle cose in segreteria lì in sede, mi portava con sé ed io rimanevo a guardare gli allenamenti della squadra mio fratello. Un giorno il mister mi chiese di partecipare ad una partitina e da lì non ho più smesso. Mi sono davvero innamorata. Oltretutto mio fratello ora è il fisioterapista del Lady Granata.

Quali sono i tuoi primissimi ricordi legati al calcio? Ricordo che fin da piccolissima il sabato e la domenica giocavo sempre a pallone con mio fratello ed i suoi amichetti. Ora che ci penso, una volta ho anche calciato uno scalino, invece del pallone, e mi sono rotta un piede!

Hai un giocatore o una giocatrice a cui ti ispiri o che pensi possa essere un modello? Direi di no. Sono tifosa della Juventus e quindi mi piacciono i giocatori che passano di là, ma vado a periodi, quindi non saprei dirti un nome. Giocatrici non so, ammetto di seguire il calcio femminile solo da quest’anno, ho guardato delle partite della Juventus e ho visto che ci sono giocatrici brave, tipo la Girelli o la Bonansea.

Hai un soprannome con cui ti chiamano le tue compagne? Solo Bea.

Qualche domanda sulla vita di spogliatoio: chi è la più lenta tra di voi a farsi la doccia? Caterina Ciampanelli, sicuramente!

Quella invece che ci tiene di più al look e che passa più tempo davanti allo specchio? Qui devo dirti due nomi: Giulia Pizzolato e Ilaria Toniolo.

E quella più casinista? Oltre a me?! Ce ne sono diverse, in primis la Pizzolato.

Qual è la scelta che rifaresti senza dubbio ed invece quella che non rifaresti della tua carriera? Scelte che non rifarei non ce ne sono. Per quanta riguarda la scelta che rifarei, sono sempre stata felice di rimanere a Bassano, sebbene mi fossero arrivate diverse proposte. Questa è la scelta che rifarei, tutta la vita.

Se non avessi giocato a calcio, avresti praticato qualche altro sport? Sicuramente avrei fatto altro, forse avrei proseguito col pattinaggio, ma a me gli sport di squadra piacciono tutti, quindi assolutamente avrei fatto qualcosa.

Come ti vedi tra 10 anni e dove? Spero di continuare con la mia professione di psicologa del lavoro e dello sport, ma spero anche di continuare a stare nel mondo del calcio, anche al di fuori del campo giocato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

LADY GRANATA CITTADELLA A.S.D.

Le società di calcio Pro San Bonifacio e Femminile Bassano 2015 sono liete di comunicare che grazie alla loro fusione, è nata una nuova società denominata “LADY GRANATA CITTADELLA”.

FACEBOOK

CONTATTI

LADY GRANATA CITTADELLA
Stadio Piercesare Tombolato
Via Angelo Gabrielli, 7
35013 Cittadella PD

info@ladygranatacittadella.com

+39 344 068 3682

Copyright © 2018 LADY GRANATA CITTADELLA A.S.D. | Privacy Policy